Scuola pubblica: di tutte/i per tutte/i

scuola-corteo-movimentoAppello per la manifestazione nazionale della scuola e dei beni comuni del 2 febbraio

Scarica il volantino in PDF e diffondilo nella tua scuola e nella tua città!

Il movimento delle scuole dello scorso autunno ha reclamato il diritto ad un’istruzione di qualità per tutte e tutti, contrastando l’ennesimo progetto di tagli alla scuola, attraverso l’aumento dell’orario di la­voro a parità di salario, avanzato dal governo Monti e di aziendalizzazione degli istituti, attraverso la cancellazione degli organi collegiali avanzata nel Ddl Aprea-Ghizzoni. Il governo Monti e il parlamen­to uscente, sconfessato in piazza e nelle scuole da milioni di insegnanti, studenti e cittadini, prova a far passare la privatizzazione attraverso la discriminazione tra scuole più o meno meritevoli di riceve­re i finanziamenti pubblici, che secondo quanto previsto dalla legge di stabilità dovrebbe essere appli­cata dal 2014. Continua a leggere

Annunci

Un’idea di Scuola alternativa: la Scuola della Costituzione!

Comunicato Stampa del Coordinamento Nazionale per la Scuola della Costituzione (18 dicembre 2012)

Il seminario “Per un governo democratico della Scuola della Costituzione” organizzato dal Coordinamento nazionale per la Scuola della Costituzione presso la Provincia di Roma il 16 dicembre 2012 ha registrato un buon risultato. Oltre un centinaio le presenze, un vero successo se si pensa che contemporaneamente si svolgevano a Roma l’assemblea nazionale del movimento delle scuole, la segreteria nazionale del CIDI, l’incontro nazionale degli studenti dell’UDS, l’esecutivo federale dei Cobas ..e gli impegni prenatalizi. Continua a leggere

Comunicato dell’assemblea nazionale della scuola del 16 dicembre

281396_546651598696665_1156469248_nOggi 16 dicembre 2012 si è riunita l’assemblea nazionale del movimento delle scuole, in contemporanea e in collegamento con il seminario “Per un governo democratico della Scuola della Costituzione”. Erano presenti rappresentanti dei coordinamenti locali e di singole scuole dalle province di Cagliari, Bari, Ferrara, Napoli, Genova, Modena, Terni, Latina, Roma e Castelli romani. Hanno comunicato l’adesione all’assemblea, pur nell’impossibilità di essere presenti i coordinamenti locali di Torino, Milano, Pisa, Pesaro e Urbino, e Trieste, Avellino. Continua a leggere