COMUNICATO di ReteScuole sull’intesa sottoscritta dai sindacati CISL,UIL, SNALS, GILDA

retescuoleCon l’intesa sottoscritta qualche giorno fa dai sindacati CISL,UIL, SNALS, GILDA si stabilisce che le scuole da quest’anno scolastico riceveranno centinaia di milioni di euro in meno per tutte le attività relative al Miglioramento dell’Offerta Formativa (MOF) : attività di programmazione per attuazione di progetti di scuola, attività sportive, riconoscimento per funzioni di vicario, riconoscimento per attività delle commissioni pof – continuità – ambiente – intercultura – glh (disabilità), riconoscimento per maggior carico di lavoro del personale ATA, attività per il recupero della dispersione scolastica e tanto altro ancora…

I fondi “sottratti” alle lavoratrici/ lavoratori della scuola serviranno per pagare alle lavoratrici/ lavoratori della scuola gli scatti stipendiali bloccati nel 2010 dal governo Berlusconi.

Dovremmo forse essere contente/i?

Dovremmo essere soddisfatte/i da questa azione furbetta dello Stato che dà con la mano destra, quello che toglie con la mano sinistra?

È umiliante!

Invece di cercare altrove i soldi per risarcire diritti negati (perché non rinunciare, ad esempio, all’acquisto di strumenti di morte come i cacciabombardieri F.35?), il governo stabilisce un giro di conto fra due capitoli dello stesso bilancio.

La scelta del governo e dei sindacati firmatari é ancor più grave se si pensa che il “risarcimento” avviene attraverso l’utilizzo di soldi che servono al funzionamento di TUTTA la scuola: sono soldi che hanno una ricaduta diretta sul collettivo, sulle attività di classe e di Istituto.

Una scelta scellerata che comporterà un’ulteriore riduzione dell’ offerta formativa.

Non sono bastate le economie derivanti dal taglio di 8 miliardi di euro e 132.000 posti di lavoro ?

Cosa volete ancora dalla scuola pubblica statale?

La scuola sempre più povera.

Ancora una volta vogliono scaricare sui lavoratori e sulle lavoratrici della scuola (e sui nostri diritti lesi e offesi) le colpe di una scuola sempre più povera e dequalificata.

Dichiariamo con forza che i soldi per il nostro sacrosanto stipendio non li vogliamo ricevere in questo modo.

Non riconosciamo come nostra questa vergognosa intesa.

E lasciateci aggiungere che, in un momento in cui c’é gente che fa pagare alla collettività l’acquisto di cartucce per fucili, videogiochi, creme di bellezza e aperitivi , chi lavora nella scuola utilizza il proprio stipendio per comperarsi computer, stampante, cartucce ( quelle inoffensive!) , scanner, libri , carta, cartoncini, colori e a volte pure i gessetti!

I soldi ci sono, basta decidere come usarli!

ReteScuole

Annunci

One thought on “COMUNICATO di ReteScuole sull’intesa sottoscritta dai sindacati CISL,UIL, SNALS, GILDA

  1. Com’è possibile offendere in questo modo la nostra professionalità e quel che è peggio, la nostra intelligenza. E’ vero che che non ci fa piacere essere derubati, ma è ancor più vero che siamo mortificati perché, con tutti i tagli, dobbiamo fare i salti mortali per riuscire a far funzionare decorosamente la scuola pubblica.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...